(IN) Netweek

LECCO

Gestione fiscale dei mezzi di trasporto, ecco le regole La deducibilità dell’auto aziendale varia in funzione sia della tipologia di veicolo che del suo utilizzo per l’esercizio dell’attività d’impresa

Share

In questo appuntamento il dottor Roberto Rigamonti analizzerà in breve la tematica relativa alla gestione fiscale dei mezzi di trasporto cercando di fare chiarezza sul corretto trattamento dei costi auto ai fini delle imposte dirette (Ires, Irap e irpef).

Il trattamento fiscale dei veicoli utilizzati nell’esercizio di imprese è regolato dall’art. 164 del Tuir, che non contiene una classificazione autonoma dei veicoli a motore, ma si limita a richiamare quella contenuta nelle norme sulla circolazione, assegnando a ciascuna categoria regole autonome e limiti di deducibilità dei relativi costi. Le regole di deducibilità dell’auto aziendale variano quindi in funzione sia della tipologia di veicolo che del suo utilizzo per l’esercizio dell’attività d’impresa (o professionale).

Andiamo ad operare una distinzione tra:

• 1 Veicoli a deducibilità integrale

• 2 Veicoli a deducibilità limitata

• 3 Spese relative ai veicoli

• 4 Casi particolari

E’ prevista la deducibilità integrale delle spese e dei componenti negativi dei seguenti veicoli:

• veicoli adibiti ad uso pubblico;

• autovetture ed autocaravan, di cui alle lettere a) e m) del comma 1 dell’articolo 54 D.Lgs. 285/1992, ciclomotori e motocicli, destinati ad essere utilizzati esclusivamente come beni strumentali nell’attività propria dell’impresa.

Ora, per quanto riguarda i veicoli adibiti ad uso pubblico non vi sono particolari problemi circa la loro individuazione: secondo la Circolare ministeriale n. 48/E/1998 la destinazione a tale uso è riconosciuta attraverso un atto proveniente dalla pubblica amministrazione.

Per quanto concerne invece il requisito della strumentalità, il suo significato è stato chiarito dall’Amministrazione Finanziaria, in modo decisamente restrittivo, in molti documenti di prassi ministeriale, nei quali è stato chiarito che i veicoli indicati al n. 1 dell’art. 164 Tuir sono quelli «senza i quali l’attività stessa non può essere esercitata», come, ad esempio, le auto per le autoscuole, le autovetture possedute dalle imprese di noleggio o i taxi.

Non è pertanto consentita l’integrale deducibilità delle spese relative a veicoli il cui utilizzo ha, comunque, un collegamento, seppure non diretto, con la produzione dei ricavi, come il caso dei veicoli utilizzati per visitare i clienti, il veicolo utilizzato da un fattorino…

Per questi veicoli sino al 31.12.2018 opera un superammortamento del 130%.

Nei confronti delle autovetture aziendali per imprese e professionisti, il trattamento fiscale previsto è di estremo sfavore, basato sul presupposto che esse vengano utilizzate, oltre che nella sfera imprenditoriale/professionale, anche, ed in gran parte, per quella privata.

La lett. b) del comma 1 dell’art. 164 Tuir è dedicato alla disciplina delle autovetture a cosiddetta “deducibilità limitata”.

In particolare la disposizione in esame prevede che le spese e gli altri componenti negativi relativi a:

• autovetture di cui alla lett. a) del comma 1 dell’articolo 54 D.Lgs. 285/1992;

• autocaravan,di cui alla lett. m) del comma 1 dell’articolo 54 D.Lgs. 285/1992;

• ciclomotori;

• motocicli.

sono deducibili nella misura del 20%.

Tale percentuale è elevata all’80% per i veicoli utilizzati dai soggetti esercenti attività di agenzia o di rappresentanza di commercio.

Inoltre, oltre alla limitazione della percentuale dei costi deducibili (20% o 80% per gli agenti) bisogna tener presente che la norma prevede dei limiti specifici oltre i quali non è possibile operare la deduzione nemmeno nelle percentuali sopra indicate.

Nel caso di acquisto infatti, non si tiene inoltre conto della parte del costo di acquisizione che eccede:

• 18.075,99 euro  per le autovetture (25.822,84 euro per agenti e rappresentanti di commercio) e gli autocaravan;

• 4.131,66 euro per i motocicli;

• 2.065,82 euro per i ciclomotori;

dove il costo d’acquisizione comprende anche i costi accessori, quali Iva indetraibile, costi di trasferimento della proprietà ecc..

L’operare congiunto delle due limitazioni (20% e valore assoluto del costo d’acquisto) comporta che i valori fiscalmente rilevanti per il calcolo degli ammortamenti (e delle plus/minusvalenze in caso di cessione), non potranno superare i seguenti importi:

• 3.615,20 euro per le autovetture e gli autocaravan;

• 826,33 euro per i motocicli;

• 413,17 euro per i ciclomotori.

Per quanto riguarda le spese relativi ai veicoli aziendali valgono le stesse regole di deducibilità viste sopra; rientrano nella nozione di spese e altri componenti negativi relativi ai veicoli:

• gli ammortamenti;

• le spese di impiego (carburanti, lubrificanti, …);

• le spese di custodia;

• le spese di manutenzione e riparazione;

• l’Iva oggettivamente indetraibile;

• la tassa di immatricolazione;

• assicurazione;

• bollo;

• pedaggi autostradali;

• interessi passivi;

• altri costi.

Nel caso di esercizio di arti e professioni in forma individuale, la deducibilità secondo le regole prima esaminate è ammessa limitatamente ad un solo veicolo, mentre se l’attività è svolta da società semplici e da associazioni, la deducibilità è consentita soltanto per un veicolo per ogni socio o associato.

Per quanto riguarda invece gli agenti di commercio l’art. 164 del Tuir riserva alla figura dell’agente di commercio (indipendentemente dalla natura giuridica – società, forma individuale, rivestita dal soggetto che esercita tale attività) specifici vantaggi in relazione all’acquisto e all’utilizzo dell’autovettura nella considerazione che per tali soggetti l’autovettura rappresenta il principale strumento per l’esercizio della propria attività. La norma stabilisce una percentuale di deducibilità pari all’80%, rispetto al 20% previsto in generale per le imprese, e un valore maggiorato (pari a 25.822,84 euro) quale tetto massimo alla deducibilità dei costi di acquisizione delle autovetture.

Come sempre viste le difficoltà applicative si consiglia di rivolgersi al proprio commercialista di fiducia prima di prendere qualsiasi decisione.

Leggi tutte le notizie su "Lecco"
Edizione digitale

Autore:afm

Pubblicato il: 22 Ottobre 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.